Elio da Trieste e la teca per l'escursionista del Carso anni 50

Un’esperienza importante quella di Elio Derin da Trieste, nata dall’acquisto di una teca Ecometa all’interno della quale conservare una delle sue opere. Una storia che risulta dalle sue stesse parole: Elio ha infatti voluto lasciarci un commento spassionato e di grande valore, che racconta la sua passione per l’intaglio del legno, per la realizzazione di una riproduzione di un escursionista del Carso con abiti degli anni ’50, insieme alla soddisfazione nel ricevere una teca “robusta e di ottima qualità”.

“La mia prima esperienza di acquisto di una teca su misura Arca Ecometa è stata positiva”, ci scrive Elio Derin. “Ho ricevuto la scatola con all’interno un ottimo imballo che proteggeva le lastre di plexiglass. A corredo con la teca è presente un utile foglio con le istruzioni per il montaggio, ma per la sua facilità risulta semplice intuire come procedere di volta in volta appena s’inizia il montaggio, senza quindi dover rileggere più volte le istruzioni”.

Elio continua con il suo racconto, descrivendo passo passo come ha montato la sua teca: “le lastre combaciano correttamente tra loro negli angoli rifilati a 45 gradi e questo fa sì che la polvere non entrerà mai all’interno della teca proteggendo nel tempo il contenuto in esposizione. Una teca robusta e di ottima qualità, che garantisce la comoda possibilità di smontarla e rimontarla, utile per necessità personali. Sono molto soddisfatto di aver comprato questa teca per conservare ed esporre l’opera da me realizzata”.

Come detto, l’opera è un escursionista con l’abbigliamento e gli accessori del periodo anni ’50, ritratto durante una sosta sul Carso Triestino, d’inverno, davanti la cascata in Val Rosandra. Elio ha realizzato la sua opera “semplicemente tagliando un pezzo di legno compensato – ci scrive – per fare la base e incollato ai bordi dei rami di sambuco, che servono a fare da cornice e contenimento alle pietre del Carso di varie dimensioni che ho messo poi sulla base, per simulare il terreno in Val Rosandra”. Muschio, pietre e zucchero completano il tutto, per conferire all’opera l’atmosfera nevosa dell’inverno.

“Successivamente – continua Elio Derin – come sfondo ho incollato su un foglio di Forex da 3 mm l’ingrandimento da una foto della cascata in Val Rosandra d’inverno. Iniziando poi dal personaggio, che in origine è un action figure (si tratta di un genere di collezionismo, in scala 1/6) e trasformandolo poi da escursionista vestendolo appositamente con abbigliamento e accessori a rappresentare quell’ epoca. Questa è la mia prima opera di questo genere in abbinamento con una bella teca Arca Ecometa”, conclude.

Di certo una grande soddisfazione, anche per noi che realizziamo le teche in plexiglass rigorosamente in maniera artigianale. Ringraziamo Elio per la sua testimonianza e invitiamo tutti i lettori a raccontarci la loro esperienza con Ecometa e le loro opere conservate.

Domenica Lunedi Martedì Mercoledì Giovedi Venerdì Sabato Gennaio Febbraio Marzo Aprile Può Giugno luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Nuovo Account

Hai già un account?
Accedi o resetta la password